Avere un ideale astratto

ideale astrattoIl tuo più grande errore è di non avere un ideale astratto.

Hai adottato una nuova visione della vita e un nuovo modo di vedere la realtà solo per ricavarne dei vantaggi materiali.

Cerchi il potere “spirituale” spinto dall’importanza personale, per manipolare persone ed eventi. Per te il vantaggio è il fine ultimo di ogni tuo pensiero e azione, mentre il potere spirituale è il mezzo per conseguirlo. In questa prospettiva è normale che tu ti esaurisca periodicamente, sia perché sei troppo concentrato su te stesso sia perché continui ad identificarti con gli altri.

Anche quando cerchi la solitudine e il silenzio, giri sempre su te stesso, per autocommiserarti e per sfuggire alla realtà e non per ottenere illuminazione e potere.

D’altra parte libertà, potere personale, realizzazione… sono concetti così vaghi e ardui da raggiungere che in fondo non ci credi, e così ti scoraggi e ti demoralizzi alla minima contrarietà e ripieghi su piccoli e meschini interessi quotidiani.

Devi considerare il quotidiano un campo per affinare la consapevolezza e accumulare potere al fine di attuare un salto nelle vibrazioni del tuo essere.

Devi cambiare prospettiva: usa il quotidiano per acquistare potere personale ed espandere la tua consapevolezza e non per ricavarne vantaggi materiali che poi finiscono con l’esaurirti. Per fare questo è necessario che tu la smetta di vivere alla giornata e ti ponga degli obiettivi elevati, mettendo in atto una strategia atta a raggiungere risultati concreti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*